Clicca qui per tornare alla Home Page

Accedi ai servizi on line

 
 
Hai appena ricevuto i codici? Attivali ora!

Contribuisci anche tu con la tua donazione - QUESTO E' SOLO IL PRIMO PASSO

A seguito dell'analisi di diversi progetti abbiamo scelto la principale destinazione dei fondi raccolti grazie a Voi.
La ricostruzione completa della scuola richiede un impegno complessivo di circa 1 milione di €.
Come primo passo abbiamo destinato 200.000 €.

Poggio Picenze, 9 gennaio 2012
Insieme a tutti voi abbiamo contribuito alla raccolta dei fondi necessari per ricostruire la palestra della scuola di Poggio Picenze, colpita dal sisma in Abruzzo.
Abbiamo il piacere di condividere le foto dei momenti salienti della ricostruzione sul nostro sito Sella.it e sulla nostra fan page!

Biella, 10 luglio 2009

Il Gruppo Banca Sella contribuisce alla ricostruzione di una scuola distrutta dal terremoto in Abruzzo, nel comune di Poggio Picenze, devolvendo 200 mila euro raccolti grazie ai versamenti dei clienti sul conto corrente di solidarietà aperto dopo il sisma dalle banche del Gruppo.

Il contributo servirà alla ricostruzione della scuola “Ignazio Silone”, che prima del terremoto ospitava 35 alunni della scuola primaria, 33 della scuola dell’infanzia e 12 bambini dell’asilo nido.

L’edificio, gravemente danneggiato dal sisma, comprendeva otto aule, una sala multimediale, una cucina, una palestra e un ampio salone adibito a mensa e sala giochi. In un edificio antistante, inoltre, erano presenti una sala conferenze, la biblioteca ed un centro culturale polifunzionale.

L’intero complesso sarà sostanzialmente ricostruito, con criteri antisismici, per poter nuovamente accogliere bambini ed alunni che hanno terminato l’anno scolastico ed il programma formativo in apposite tende-scuola predisposte nel campo d’accoglienza del paese.

Alla ricostruzione della scuola del Comune di Poggio Picenze sta contribuendo anche la Nazionale Italiana Cantanti che ha organizzato una partita per raccogliere fondi destinati allo stesso progetto.

Leggi il comunicato Stampa in formato .PDF

Il Gruppo Banca Sella dona una Unità mobile per le radiocomunicazioni in Abruzzo

Sabato 5 marzo a Castel di Sangro (L’Aquila) è stata consegnata al gruppo di Protezione Civile locale l'Unità mobile per il Raggruppamento Nazionale per le Radiocomunicazioni d’Emergenza, acquistata grazie ai versamenti di dipendenti, clienti e non clienti sui conti correnti attivati presso tutte le banche del Gruppo Banca Sella in favore delle popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo dell’aprile 2009 e fa parte di un progetto più ampio del Raggruppamento Nazionale per le Radiocomunicazioni d’Emergenza che prevede in una prima fase altre cinque unità di questo tipo dislocate su tutto il territorio nazionale a Biella, Arezzo, Piacenza, Brindisi, Palermo.

L’Unità è composta da un fuoristrada dotato di una stazione radio e da una roulotte adibita a sala radio e unità logistica per gli operatori ed è stata ideata dal Raggruppamento Nazionale per le Radiocomunicazioni d’Emergenza al fine di intervenire in tempi rapidi in situazioni di emergenza per contribuire a garantire le comunicazioni durante le operazioni di soccorso. Il Raggruppamento Nazionale si occupa di organizzare e coordinare al meglio le attività di radiocomunicazione in situazioni di crisi tra le varie associazioni presenti a livello nazionale ed è una delle ventitre associazioni che fanno parte della Consulta presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La consegna delle chiavi dell’Unità Mobile a Castel di Sangro è avvenuta alla presenza di un cliente del Gruppo Banca Sella (scelto tra tutti i clienti che hanno effettuato un versamento a favore dell'iniziativa "SOS Abruzzo" residenti in Abruzzo) in rappresentanza di tutti coloro che hanno contribuito alla raccolta fondi e effettuato i versamenti di solidarietà in favore dell’Abruzzo. Alla cerimonia, ha partecipato anche Giorgio De Donno, alcuni esponenti del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, i rappresentanti della Regione Abruzzo, dell’Amministrazione Comunale e della Consulta del volontariato di Castel di Sangro.

Leggi il comunicato Stampa in formato .PDF