Indicatore Sintetico di Costo

Indicatore Sintetico di Costo

L'ISC è stato introdotto dalle nuove disposizioni sulla Trasparenza emanate da Banca d'Italia e rappresenta il costo annuo indicativo di un conto corrente,viene espresso con un valore in euro. L'ISC consente di verificare velocemente il costo di un conto corrente e di effettuare eventuali confronti.
Ad esempio:

  • nella fase di scelta di un conto, l'ISC fornisce una previsione del costo annuale del conto consentendo al Cliente di fare una stima di spesa che dovrà sostenere
  • annualmente con la ricezione del rendiconto riepilogativo del conto, l'ISC fornisce un valore di riferimento con cuiil Cliente può confrontare lespese effettivamente sostenute, in base alle operazioni svolte

L'ISC si rivolge ai Clienti Consumatori (persone fisiche) che utilizzano il conto corrente per incassi e pagamenti.

L'ISC dipende da 7 "profili di utilizzo", individuati da Banca d'Italia, in collaborazione con l'ABI e con il Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti, ciascuno riservato ad un certo target di Clientela.

Sei profili sono riconducili alla categoria dei conti a pacchetto e uno ai conti correnti a consumo (conto ordinario). I 6 conti a pacchetto, si distinguono in base al Cliente destinatario cui sono dedicati, e si dividono pertanto nei seguenti profili di utilizzo:

  • Giovani
  • Famiglie con operatività bassa
  • Famiglie con operatività media
  • Famiglie con operatività elevata
  • Pensionati con operatività bassa
  • Pensionati con operatività media

Il conto corrente a consumo è invece dedicato ai Clienti che usano il conto per esigenze molto specifiche, ad esempio: conti usati in via occasionale o discontinua quando Cliente è titolare di un altro conto corrente, conti per l'appoggio del dossier titoli o per l'addebito delle rate del mutuo. Per questo conto si considera quindi un'operatività bassa.

Ogni "profilo di utilizzo" comprende un set specifico di operazioni effettuate tramite sportello e/o on line.

Per ottenere l'ISC si moltiplica il numero delle operazioni effettuate per il loro costo, poi si sommano i costi fissi previsti dal conto corrente (es. canone per le spese di tenuta conto).

E' importante ricordare che i valori degli ISC sono orientativi e si riferiscono a profili di utilizzo (puramente) indicativi, considerano le operazioni svolte dal primo intestatario del conto non comprendendo eventuali cointestazioni (ovvero conto intestato a più soggetti) e servizi accessori utilizzati da un familiare, non considerano eventuali affidamenti concessi sul conto.

L'ISC è consultabile nel foglio informativo dei singoli conti correnti destinati ai Clienti consumatori disponibili presso le Succursali della Banca e sul suo sito internet. Periodicamente viene inviato al Cliente l'ISC aggiornato all'interno dell'estratto conto movimenti del 31 dicembre di ciascun anno.

Se il Cliente consumatore ha sottoscritto un conto corrente in convenzione, perchè appartenente ad una determinata categoria, l'ISC riportato nel Suo estratto conto movimenti periodico è quello più conveniente tra tutti i conti correnti che la banca offre abitualmente per ciascuno dei sei profili sopraindicati.

Nella tabella sotto riportata sono indicati per ciascun profilo di utilizzo il numero delle operazioni che concorrono a calcolare il valore dell'ISC:
Clicca sull'immagine per scaricarla

Nella seguente tabella sono riportate in modalità descrittiva le principali operazioni svolte da ciascun profilo.

Giovani
(Totale operazioni annue: 164)

Il profilo prevede un maggior utilizzo del conto corrente tramite canali alternativi (es. Internet) rispetto allo sportello di Succursale. Prevede la carta prepagata, la domiciliazione delle utenze, i prelievi e richiesta di movimenti allo sportello e un occasionale uso dell'assegno. Non il conto titoli, il mutuo e i finanziamenti in generale.

Famiglie con operatività di bassa
(Totale operazioni annue: 201)

Il profilo prevede la domiciliazione delle utenze, l'accredito mensile della retribuzione, prelievi e richiesta di movimenti allo sportello e la presenza di un mutuo e/o altre tipologie di finanziamenti. Inoltre prevede un maggior utilizzo del conto corrente allo sportello di Succursale rispetto ai canali alternativi. Non prevede la carta di credito ed il conto titoli.

Famiglie con operatività media
(Totale operazioni annue: 228)

Il profilo prevede l'utilizzo mensile della carta di credito, la domiciliazione delle utenze, l'accredito mensile della retribuzione, i prelievi BANCOMAT® presso sportelli ATM di altre banche, il mutuo e un utilizzo abbastanza frequente dei canali alternativi oltre allo sportello di Succursale. Non prevede il conto titoli.

Famiglie con operatività elevata
(Totale operazioni annue: 253)

Il profilo prevede l'utilizzo mensile della carta di credito, un utilizzo più frequente, rispetto agli altri profili, degli assegni, l'accredito mensile della retribuzione, il mutuo e/o altri finanziamenti e il conto titoli. Inoltre il profilo prevede un utilizzo anche dei canali alternativi oltre allo sportello di Succursale, in particolare per disporre bonifici e richiesta dell'elenco movimenti.

Pensionati con operatività bassa
(Totale operazioni annue: 124)

Il profilo prevede la prevalenza dell'utilizzo del canale sportello di Succursale rispetto ai canali alternativi; prevede l'accredito mensile della pensione, prelievi BANCOMAT® presso gli sportelli ATM del propria banca e la domiciliazione delle utenze. Non prevede la carta di credito, il mutuo e il conto titoli.

Pensionati con operatività media
(Totale operazioni annue: 189)

Il profilo prevede la carta di debito e la carta di credito, l'accredito mensile della pensione, gli assegni bancari, la domiciliazione delle utenze e il conto titoli. Inoltre prevede un utilizzo anche dei canali alternativi oltre allo sportello di Succursale, in particolar modo per disposizione di bonifici ed richiesta elenco movimenti. Non prevede il mutuo e/o altri finanziamenti.

Conto a Consumo operatività bassa
(Totale operazioni annue : 112)

Il profilo prevede un numero bassissimo di operazioni, un occasionale uso degli assegni, la domiciliazione delle utenze, l'accredito della retribuzione o pensione e un limitato numero di pagamenti effettuati tramite bonifico. Non prevede l'utilizzo della carta di credito, il mutuo e/o altri finanziamenti e il conto titoli.